Diotima

  • ControTempo è un Social Network di cultura e politica creato da un gruppo di donne di ispirazione cristiana che intendono ancora applicarsi all’amore del loro tempo condividendolo con quanti, anche “stranieri”, sentono la “passione” per le difficoltà dell’oggi. “Controtempo” vuole dire un pensiero altro, dissonante dalle voci che si rincorrono e accavallano, ma anche lontano dal conformismo di chi è sempre “contro”.

    Il contenuto del blog è nel suo nome che è un programma:"Controtempo". Siamo un gruppo di donne cattoliche, non nascondiamo la nostra identità, che intendono gettare sul mondo uno sguardo di simpatia ma nello stesso tempo scrutando nelle pieghe degli avvenimenti quanto e cosa preannuncia un tempo nuovo, tanto da essere dissonante col proprio tempo. Appunto "controtempo".

Blog

Lunedì, 13 Marzo 2017 00:00

Dopo la globalizzazione

Scritto da
1) Dopo la globalizzazione. Noi siamo gli eredi di un mondo che è stato e non sarà più. Questa è la differenza capitale con il recente passato. Perchè la continuità che è stata per venti secoli, e soltanto se contiamo quelli a partire dall'era cristiana, non è più il filo che conduce, riannoda, svolge, avviluppa  gli eventi conducendoli a soluzioni, anche se parziali e destinate ad essere superate. Quando è cominciato? Gli  economisti, ma con il cotè dei sociologi e dei politici, ci dicono che la frattura è avvenuta nel decennio sessanta -settanta e gli eventi di quegli anni, a…
Giovedì, 09 Marzo 2017 00:00

Errori di Renzi

Scritto da
Ecco il decalogo degli errori di Renzi Lunghissima e dettagliata analisi, capitolo per capitolo, della politica seguita dall'ex presidente del Consiglio, scritta e firmata da quattro economisti che da anni animano i dibattiti e gli studi del Nens come Salvatore Biasco, Vincenzo Visco, Pierluigi Ciocca e Ruggero Paladini. 1.. La nascita del Governo Renzi era stata accolta con molta fiducia e aspettative favorevoli, sia per la personalità del nuovo Presidente del Consiglio, che per la forza derivante dal fatto di essere il segretario del PD. In particolare ci si aspettava da Renzi il rilancio dell’economia e dell’occupazione, il contenimento del…
Lunedì, 06 Marzo 2017 00:00

Post verità

Scritto da
La POST VERITA’ Tratto dall’Accademia della Crusca Il lessema post-verità (che da qui in avanti chiameremo meno tecnicamente “parola” per comodità) è esploso nella nostra lingua a seguito della Brexit e più recentemente delle elezioni americane vinte da Trump: al 22 novembre 2016, ricercando con Google sulle pagine italiane del web, si contavano oltre 30.000 risultati (tenendo conto, oltre che di post-verità, anche delle varianti post verità e postverità). Si tratta di un adattamento dall’inglese post-truth (sul cui significato torneremo a breve) e non stupisce che le occorrenze della parola siano aumentate proprio in concomitanza di due eventi storici di…
Lunedì, 06 Marzo 2017 00:00

Ruolo del Sindacato

Scritto da
Intervista a Giorgio Benvenuto. Sindacati e partiti, i cosiddetti corpi intermedi, dice Benvenuto, sono pieni di difetti da correggere, ma sono nel sistema. Il loro indebolimento sta favorendo le forze antisistema. Il lavoro oggi vive una forte contraddizione. Abbiamo l’industria 4.0, benissimo. Ma se devo puntare a un paese che deve investire nella tecnologia, nel digitale, non puoi avere una politica sul mercato del lavoro contrastante. Se tu esalti il precariato, l’incertezza, come si può pensare di avere un giovane impegnato in una industria che richiede grandissima professionalità? È una contraddizione spaventosa. Abbiamo avuto una fase, soprattutto negli anni ‘60-‘70,…
Giovedì, 02 Marzo 2017 00:00

Ancora sulla globalizzazione

Scritto da
Il termine globalizzazione ha avuto le più svariate applicazioni ed è stato adoperato, a partire dagli anni 1990, per indicare un insieme assai ampio di fenomeni connessi con la crescita dell’integrazione economica, sociale e culturale tra le diverse aree del mondo. In economia indica fenomeno di unificazione dei mercati a livello mondiale, una progressiva e irreversibile omogeneità nei bisogni tanto che le ‘imprese’, le quali  operano in un mercato globale, hanno attuato economie di scala per vendere lo stesso prodotto in tutto il mondo. Per questo sono state adottate dai singoli Stati  strategie uniformi che hanno richiesto  una progressiva liberalizzazione,…
Lunedì, 27 Febbraio 2017 00:00

Mondializzazione

Scritto da
Mondializzazione dell’economia Il termine “globalizzazione” (globalization, mondialisation, Globalisierung) indica un processo di dilatazione “globale” delle relazioni sociali tra gli uomini fino a comprendere lo spazio territoriale e demografico dell’intero pianeta. La reductio ad unum, che tanto successo ha avuto nel pensiero filosofico-politico medioevale realizzando un modello gerarchico di ordinamento, in quella che si chiama “terza modernità” ha coltivato l’utopia di realizzare un “ordine mondiale” le cui regole in realtà sono le “non regole” che governano il mercato il quale obbedisce soltanto alla spinta autoregolativa interna. di Marianna Ortoboni   Introduzione Sul tema della globalizzazione[1] si sono impegnati esperti appartenenti a…
Giovedì, 23 Febbraio 2017 00:00

globalizzazione

Scritto da
LA GLOBALIZZAZIONE     ⫸DEFINIZIONE   L'OCSE ( Organizzazione  per la cooperazione e lo sviluppo economico  ) definisce la globalizzazione come “un processo attraverso il quale mercati e produzione nei diversi Paesi diventano sempre più interdipendenti, grazie allo scambio di beni e servizi e del movimento di capitale e tecnologia”. La globalizzazione si riferisce perciò principalmente ai mercati - più quelli finanziari che quelli economici - ma in realtà comprende ogni aspetto dalla vita moderna. ⫸QUANDO? Sebbene il processo sia iniziato secoli fa (scoperta America, 1500), è a partire dagli anni 1970 che la globalizzazione ha subito una grande accelerazione.…
Lunedì, 20 Febbraio 2017 00:00

Successo populista

Scritto da
Le ragioni del successo populista: ipotesi a confronto Di Marco Tarchi La capacità delle forze populiste di sfruttare dal punto di vista elettorale le esplosioni di emotività collettiva suscitate dall’opposizione all’immigrazione e dalla protesta antipolitica non basta a spiegarne pienamente il successo. Diverse sono le ipotesi interpretative a riguardo, che da una parte sottolineano la capacità di questi partiti di combinare il radicalismo verbale e la politica simbolica con gli strumenti del marketing politico, dall’altra tendono a spiegarne il ruolo crescente inserendoli all’interno dello scenario più generale di trasformazione della politica nelle società postindustriali, da un’altra ancora ne evidenziano la…