Diotima

  • ControTempo è un Social Network di cultura e politica creato da un gruppo di donne di ispirazione cristiana che intendono ancora applicarsi all’amore del loro tempo condividendolo con quanti, anche “stranieri”, sentono la “passione” per le difficoltà dell’oggi. “Controtempo” vuole dire un pensiero altro, dissonante dalle voci che si rincorrono e accavallano, ma anche lontano dal conformismo di chi è sempre “contro”.

    Il contenuto del blog è nel suo nome che è un programma:"Controtempo". Siamo un gruppo di donne cattoliche, non nascondiamo la nostra identità, che intendono gettare sul mondo uno sguardo di simpatia ma nello stesso tempo scrutando nelle pieghe degli avvenimenti quanto e cosa preannuncia un tempo nuovo, tanto da essere dissonante col proprio tempo. Appunto "controtempo".

Blog

Mercoledì, 07 Settembre 2016 00:00

Una sentenza riduttiva e parziale.

Scritto da
Una sentenza riduttiva e parziale. La recente   sentenza del Tribunale di Roma con la quale una minore si trova ad avere due madri, l’una biologica a seguito di fecondazione eterologa, e l’altra   adottiva convivente omosessuale della prima, ha aperto un vivace dibattito facendo emergere, oltre che questioni etiche e morali, un vuoto legislativo. Non è la prima volta che situazioni di “vacanza” si prestano   ad essere oggetto piegate a norme che, piuttosto che rispondere all’interesse generale, si rivelano parziali ed occasionali. Il Giudice romano, muove il proprio convincimento, espresso nella sentenza, richiamando la lettera d) dell’art. 44 della l. n.…
Venerdì, 02 Settembre 2016 00:00

Donne e potere

Scritto da
DONNE E POTERE Credo non sia necessario dilungarsi per esplicitare la centralità che assume, nella prospettiva dell’uguaglianza da realizzare, la persistente e generalizzata condizione di disuguaglianza delle donne che forse è meglio esplicitata dal rapporto delle donne col potere. O meglio il rapporto che il potere ha con le donne. Basterebbe guardare al caso dell’unica donna eletta nelle recenti elezioni regionali della Calabria: poiché suo padre non poteva più candidarsi, lei per interposta persona lo rappresenta. Ma, se poi tale esempio lo si considera con riferimento al banco di prova della cittadinanza, che è principio fondativo delle democrazie moderne, appare…
  Ma ha proprio ragione il Papa a definirla Terza Guerra Mondiale? di Alfonso Gianni Papa Borgoglio sta godendo di un lungo momento di grazia nell’opinione pubblica mondiale. Ogni cosa che dice diventa di riferimento anche in ambito non confessionale. Ne sia esempio la sua recente dichiarazione sull’esistenza nel mondo contemporaneo di una terza guerra mondiale “a pezzetti”. Il Papa non è un analista politico e quindi non si può pretendere da lui l’esattezza della definizione, ma è un fatto che essa ha sfondato anche nel campo della sinistra laica che pensa di interpretare così le varie guerre guerreggiate sanguinosamente…
Venerdì, 26 Agosto 2016 00:00

Elegia del passato e attesa di futuro

Scritto da
ELEGIA ALLA BELLA TERRA UMBRA ANCORA FERITA DEAL TERREMOTO I terremoti lasciano tracce indelebili nella storia alterando per sempre civiltà, economie, rapporti sociali, identità collettive. Quando nel passato hanno colpito popoli e città evolute e organizzate del Mediterraneo, i terremoti hanno cambiato il corso di intere società: dall'esplosione di Santorini, a Pompei, al terremoto dell'Italia meridionale del 1783 (la lista è molto lunga) e le "ricostruzioni" non sono state mai guaritrici delle ferite ricevute. Non è soltanto la morte a prendere il posto di quello che c'era prima; c'è lo smarrimento e lo stupore dei sopravvissuti e dei testimoni, l'assenza…
  Nuovo diventa antico nella misura in cui lo scorrere della storia invera il dettato di Cristo Ci si chiede: la Chiesa, nel corso della storia, ha dato insegnamenti nuovi rispetto al deposito della fede? Bisogna intendersi su cosa si voglia dire con l’aggettivo “nuovo”. Se nuovo vuol dire “che prima non c’era”, allora no, la Chiesa non può dare insegnamenti nuovi. Se per “nuovo” si intende che era da sempre contenuto nel tradizionale deposito della fede e che solo ora viene esplicitamente definito, allora sì. Però in questo caso la parola “nuovo” sembra inappropriata. Di radicalmente nuovo nella tradizione…
Lunedì, 15 Agosto 2016 00:00

Leadershp femminile

Scritto da
Leadershp femminile   L’ampio processo di postmodernizzazionedella nostra società sta interessando in special modo le trasformazioni delle relazioni sociali, tra cui la famiglia, il rapporto tra generazioni e la concezione di identità di genere. All'interno di questo processo si può riscontrare una sorta di autodeterminazione individuale, nella quale emergono nuove modalità di fare famiglia, nuove identità e nuovi tipi di relazione dei generi. Tuttavia, la ricerca di nuove relazioni sociali non ha completamente cancellato le differenze tra ruoli di genere: le barriere culturali che determinano e marcano l’assegnazione dei ruoli permangono in alcuni contesti. Negli ultimi decenni i media hanno…
Domenica, 07 Agosto 2016 00:00

A proposito dell’Italicum

Scritto da
    A proposito dell’Italicum La nuova legge elettorale, entrata nell’uso del parlare e del comprendere quotidiano con il lemma Italicum, ha impegnato il dibattito pubblico per molti mesi e ha diviso trasversalmente i partiti che sulla legge hanno giocato tutta la loro credibilità di soggetti capaci di creare consenso nella società, ma anche la loro attesa di futuro. Sì, perché, come si sa, la legge elettorale, ogni legge elettorale, non vale per l’oggi e per il domani, bensì per almeno una decina di anni; non è soltanto figlia di questo o quel partito perché nel momento in cui viene applicata…
Lunedì, 01 Agosto 2016 00:00

Non andare a votare:mai

Scritto da
  NON ANDARE A VOTARE: MAI Il 25 aprile è tutto uno spuntare di corone, allori, bandierine tricolore e, qualcuna, rossa. Il 25 aprile è la festa della democrazia, della liberazione di un Paese che per un ventennio aveva conosciuto il pugno di ferro del tiranno e poteva, finalmente, tornare a respirare l'aria della libertà. Libertà di dissentire, di condividere il proprio dissenso, di manifestare per le strade. Libertà di scegliere e decidere su questioni che riguardano la vita di ciascuno di noi. Perché anche se non abitiamo davanti al mare quello che nel mare accade è affare nostro. E,…