Diotima

  • ControTempo è un Social Network di cultura e politica creato da un gruppo di donne di ispirazione cristiana che intendono ancora applicarsi all’amore del loro tempo condividendolo con quanti, anche “stranieri”, sentono la “passione” per le difficoltà dell’oggi. “Controtempo” vuole dire un pensiero altro, dissonante dalle voci che si rincorrono e accavallano, ma anche lontano dal conformismo di chi è sempre “contro”.

    Il contenuto del blog è nel suo nome che è un programma:"Controtempo". Siamo un gruppo di donne cattoliche, non nascondiamo la nostra identità, che intendono gettare sul mondo uno sguardo di simpatia ma nello stesso tempo scrutando nelle pieghe degli avvenimenti quanto e cosa preannuncia un tempo nuovo, tanto da essere dissonante col proprio tempo. Appunto "controtempo".

Blog

Azione studentesca è un movimento attivo fra gli studenti delle scuole superiori, che si sta facendo strada a forza di slogan che ricordano il ventennio. E qual è la risposta degli istituti? Sulla loro pagina Facebook campeggia la scritta: «Tutto per la patria. Il futuro si conquista combattendo». Occorre «ribellarsi», dicono, e «difendere la Patria», dove oggi «imperano il multiculturalismo e la mescolanza» e dove assistiamo alla «invasione migratoria che alimenta il business dell’accoglienza, che ci espone ai rischi del terrorismo». Sembra di sentir parlare Matteo Salvini o CasaPound. E invece sono stralci del manifesto di Azione Studentesca, il movimento…
Mercoledì, 22 Novembre 2017 00:00

IMPEGNO

Scritto da
Impegno L’ottimismo è solo mancanza di informazioni, ha detto una volta Heiner Müller, poeta e drammaturgo tedesco. Angela Davis di sicuro non la pensa così. Nel suo lungo dialogo con Ida Dominijanni, ha ripetuto più volte che viviamo in tempi entusiasmanti, malgrado tutte le difficoltà. “Non sappiamo mai quale sarà il risultato delle nostre lotte. Non abbiamo la sfera di cristallo per leggere il futuro. Non abbiamo garanzie. Negli anni sessanta lottavamo per trasformare il mondo in senso rivoluzionario. Ci battevamo per cambiamenti radicali, per cancellare il razzismo, pensavamo che presto il capitalismo sarebbe finito nei musei, avevamo sviluppato una…
Sabato, 18 Novembre 2017 00:00

L'approdo oltre l'alta marea

Scritto da
L’approdo oltre l’alta marea Il 7 settembre u.s. in diretta televisiva, Antonio Di Pietro, già leader e fondatore dell’Italia dei Valori, ex poliziotto, ex magistrato, attualmente avvocato, in diretta televisiva, scatenando l’incredulità dei presenti, affermava: «Io porto con me una conseguenza. Ho fatto l'inchiesta Mani Pulite, con cui si è distrutta l’intera Prima Repubblica: il male, e ce n'era tanto con la corruzione, ma anche le idee. Ed è così che sono nati i cosiddetti partiti personali: Di Pietro, Bossi, Berlusconi e quant’altro. Ovvero partiti che hanno al massimo il tempo della persona». Una data precisa, se non un responsabile,…
Mercoledì, 15 Novembre 2017 00:00

Il cambiamento climatico

Scritto da
Il cambiamento climatico come strumento di potere Intervista a Amitav Ghosh di Marina Forti ottobre 2017 Conosciamo Amitav Ghosh come un romanziere, probabilmente uno dei più grandi scrittori indiani contemporanei. Ghosh però è anche uno studioso, e la sua formazione di antropologo è visibile nel rigore della documentazione in ogni suo romanzo. Ghosh è anche un giornalista, autore di alcuni bellissimi reportage e di numerosi saggi. È un lungo saggio anche il suo ultimo libro, La grande cecità. Il cambiamento climatico e l’impensabile, che tratta di come la cultura, e in particolare la letteratura, reagisce alla drastica trasformazione dell’ambiente in…
Martedì, 14 Novembre 2017 00:00

Lutero il riformatore

Scritto da
Lutero il riformatore Il cinquecentenario della simbolica datazione della nascita della Riforma protestante, offre l’opportunità di rivolgersi al pensiero di Lutero che, anche a detta dei suoi detrattori, sta collocato nel nostro passato in un punto nevralgico dal quale prende luce la nascita del moderno contribuendo a fare del secolo XVI un vero e proprio crinale dal quale si può riconoscere un “prima” e un “dopo”. Prima c’è la cultura dei molti nazionalismi intrisi tutti, e perciò resi unanimi, dal monoculturalismo religioso; dopo c’è un confronto tra di essi grazie alla diversificazione delle confessioni cristiane. Il monaco eremita agostiniano e…
Mercoledì, 08 Novembre 2017 00:00

La destra e le alleanze

Scritto da
La politica italiana è in fibrillazione per affrontare le tanto attese elezioni politiche e i vari schieramenti potrebbero a breve delinearsi per affrontare la battaglia elettorale. Se il rapporto della destra italiana vede i vari schieramenti al momento contrapposti, sembrano riavvicinarsi nuovamente i vari leader quali Matteo Salvini, Giorgia Meloni ed il rientrante Silvio Berlusconi. Le stime vedono come possibili contendenti alla leadership politica il movimento 5 stelle, mentre il Partito Democratico di Matteo Renzi resta in attesa di eventuali colpi di scena. Le stime elettorali riferite alla Camera dei Deputati parlano chiaro e mettono il trio di destra davanti…
Lunedì, 06 Novembre 2017 00:00

La sinistra fa di ogni erba un fascio

Scritto da
A sinistra si fa di ogni erba un Fascio,  Pietrangelo buttafuoco La destra non fa più la destra, ma la plebe. E tra i democratici si mima una lingua estranea. Per non perdere l’elettorato in fuga verso Lega e M5s La sinistra non dice più cose di sinistra. Matteo Renzi, titolare del marchio, ruba perfino lo slogan all’altro Matteo, Salvini, e di fronte alla marea di disperati naufraghi nel Mediterraneo, urla: «Aiutiamoli a casa loro!». La destra, invece, non fa più la destra. Fa la plebe. La destra si fa carico della schiuma degli avvinazzati al seguito del populismo occidentalista…
Lunedì, 06 Novembre 2017 00:00

Riconoscersi: la lezione del conflitto in Catalogna

Scritto da
La questione dell’indipendenza catalana sta agitando la Spagna e la tensione si riverbera sul resto dell’Europa. L’attenzione mediatica è aumentata lungo il mese di settembre, in vista del contestato referendum del 1° ottobre, quando ci siamo trovati di fronte a immagini che hanno colpito se non allarmato l’opinione pubblica in tutto il mondo, con l’inevitabile seguito di polemiche, anche a colpi di fake news, sulle violenze e sul numero dei feriti. Nel momento in cui scriviamo lo svolgersi degli avvenimenti registra un crescente inasprimento dello scontro piuttosto che l’apertura di un dialogo. In ogni caso, quali che siano i suoi…