Diotima

  • ControTempo è un Social Network di cultura e politica creato da un gruppo di donne di ispirazione cristiana che intendono ancora applicarsi all’amore del loro tempo condividendolo con quanti, anche “stranieri”, sentono la “passione” per le difficoltà dell’oggi. “Controtempo” vuole dire un pensiero altro, dissonante dalle voci che si rincorrono e accavallano, ma anche lontano dal conformismo di chi è sempre “contro”.

    Il contenuto del blog è nel suo nome che è un programma:"Controtempo". Siamo un gruppo di donne cattoliche, non nascondiamo la nostra identità, che intendono gettare sul mondo uno sguardo di simpatia ma nello stesso tempo scrutando nelle pieghe degli avvenimenti quanto e cosa preannuncia un tempo nuovo, tanto da essere dissonante col proprio tempo. Appunto "controtempo".

Blog

Venerdì, 09 Marzo 2018 00:00

Dopo aver dato i numeri, mancano i numeri

Scritto da
Cari (e)lettori, a quanti tra voi possa minimamente fregare qualcosa delle mie futili elucubrazioni, direi che siamo giunti al tradizionale momento di “analisi” dell’ennesimo giudizio divino uscito dalle urne di questa penisola alla deriva nel Mediterraneo. Quello che sarà scritto qui di seguito sarà ovviamente smentito dai fatti, tra qualche ora, giorno o settimana. Procediamo quindi con l’effimero divertissement. Il M5S consegue una vittoria storica, trainata dalle regioni meridionali. L’attrazione fatale del reddito di cittadinanza ha quindi prodotto l’effetto sperato ed attivamente ricercato. Nel centrodestra, la Lega nazionalista di Matteo Salvini prevale sulla Forza Italia del vecchio teatrante Silvio Berlusconi,…
Lunedì, 05 Marzo 2018 12:33

Elezioni politiche 2018: cosa succede adesso

Scritto da
Domenica 4 marzo 2018 gli italiani sono stati chiamati al voto per le elezioni politiche. In attesa di conoscere il numero preciso dei seggi ottenuti da ciascun partito, qui abbiamo spiegato chi è uscito vincitore da questa tornata elettorale: Risultati Elezioni 2018: chi ha vinto. In primis, dobbiamo dire che questo voto non poterà a una maggioranza assoluta con cui formare autonomamente un governo. Il centrodestra è la coalizione che ottiene più seggi. Crollo per il centrosinistra, con il Partito Democratico sotto al 20 per cento dei voti. Il singolo partito con più parlamentari è il Movimento Cinque Stelle, vero…
Venerdì, 02 Marzo 2018 00:00

Nessuno vincerà le elezioni

Scritto da
Secondo gli ultimi sondaggi pubblicati venerdì scorso prima dell’entrata in vigore del divieto di diffusione, nel Parlamento che sarà eletto il prossimo 4 marzo non ci sarà una chiara maggioranza. È un’ipotesi di cui i leader politici ovviamente preferiscono non parlare durante la campagna elettorale – in questi giorni sono tutti impegnati a dire che riusciranno a ottenere i voti per formare un governo – ma è decisamente l’ipotesi più probabile, mentre è molto improbabile a oggi che il 5 marzo ottenga la maggioranza uno qualsiasi degli schieramenti per cui voteranno gli elettori. Se le cose andassero così, ci sono…
Lunedì, 26 Febbraio 2018 00:00

La metamorfosi dei cinquestelle

Scritto da
Saranno loro i vincitori? Tutti i sondaggi pubblicati fino al 17 febbraio lasciano pochi dubbi almeno su un punto: il Movimento 5 stelle sarà il più forte partito italiano, in grado di mandare in parlamento più o meno 250 tra deputati e senatori. La campagna elettorale che hanno condotto finora è ben diversa da quella del 2013. Allora il protagonista era uno solo: Beppe Grillo, anche se lui stesso non era neanche tra i candidati. Era lui ad attraversare il paese da nord a sud con il suo Tsunami tour, a riempire le piazze, ad attirare migliaia e migliaia di…
Venerdì, 23 Febbraio 2018 00:00

Il governo Berlusconi-Renzi non si può fare

Scritto da
Tra le poche certezze del dopo elezioni, una va facendosi largo con forza piuttosto considerevole: non vi sarà spazio per un accordo di governo tra Silvio Berlusconi e Matteo Renzi, se lo intendiamo come derivante da iniziativa autonoma presa da loro due (cui magari aggiungere sostegni parlamentari numericamente necessari). Ciò è sempre più evidente sia per ragioni politiche che di "compatibilità" con il sistema nel suo complesso, dove agiscono poteri più o meno forti (in fondo questa è la democrazia). Cominciamo dagli aspetti politici, peraltro ben evidenziati oggi su Repubblica da Claudio Tito. Da un lato c'è il Cavaliere, infilato…
Lunedì, 19 Febbraio 2018 00:00

Fuori campo, perché i migranti finiscono nei ghetti

Scritto da
  Non c’è nemmeno l’elettricità nella baracca che si è costruito con le sue mani. Mike ha messo una catena con un lucchetto per tenere chiusa la porta quando si allontana dalla sua stanza due metri per tre fatta di tavole, coperte e cartoni. “Non ho niente che si possa rubare e in fondo non me ne importa niente, entrino pure”, dice amareggiato in un perfetto inglese. È nigeriano, ha 23 anni, è arrivato dalla Libia in Italia due anni fa, è stato trasferito in un centro di accoglienza in Sardegna, ma è scappato perché voleva raggiungere degli amici a…
Venerdì, 16 Febbraio 2018 00:00

La tentazione delle “vie di fatto”

Scritto da
Questa campagna elettorale, cominciata all’insegna delle promesse iperboliche, si è andata progressivamente imbarbarendo fino a prefigurare l’incubo di circuiti incontrollabili. Le peggiori ipotesi si sono materializzate in fatti che rivelano scosse telluriche nel profondo della società e scuotono la stessa resistenza delle istituzioni. Non è rilevante che l’epicentro del sisma politico si sia manifestato in una remoto capoluogo di provincia, come Macerata, e non in un’area metropolitana presuntivamente più esposta.Semmai deve far riflettere proprio la circostanza che l’epifania di certe pulsioni non controllate sia avvenuta al livello dei capillari della società, là dove si presume che la regola sia l’ordine…
Lunedì, 12 Febbraio 2018 00:00

Siamo noi genitori a essere classisti (e razzisti)

Scritto da
Il rapporto di autovalutazione della scuola romana, che vanta pochi alunni stranieri e disabili squarcia il velo sulla grande ipocrisia di un Paese che vuole una scuola aperta e plurale, ma solo per gli altri. Quando invece la scuola dovrebbe essere il primo luogo dell’educazione alla diversità. Leggetevela bene, la storia del liceo Visconti di Roma, quello finito nella bufera per aver raccontato nel rapporto di autovalutazione che le famiglie che scelgono il liceo “sono di estrazione medio-alta borghese”, che tutti gli studenti “tranne un paio, sono di nazionalità italiana”, che “nessuno è diversamente abile” e che “tutto ciò favorisce…