Per un giorno di festa

Scritto da 

I giornali ci riportano la cronaca di dibattiti infiniti, discussioni mai concluse, insanabili divergenze.

Arrivano i neri; no, arrivano i cinesi; no, arrivano gli immigrati; no, arrivano i musulmani; no, arrivano i leghisti; no, arrivano i cinque stelle; no, arrivano i pochi comunisti rimasti.

Poi arrivano anche i tedeschi con lo spread; i francesi con la grandeur; anche i greci che stanno risanando il debito; gli spagnoli che manderanno da noi i catalani; poi, infine, arrivano anche i robot che ci manderanno tutti al diavolo e si sistemeranno al posto di comando.

Poi arrivano le feste; no, sono già passate; no arrivano le stagioni; no, non sono più di moda; arrivano i figli; no, sono andati e non tornano; arrivano i pagamenti; no, siamo evasori; arrivano i salvatori; no, ce n’era uno e lo hanno messo in croce.

Ecco l’Italia è pressappòco questa: terra di frontiera e confine insieme; terra di immigrati e emigranti insieme; terra di disperazione e di speranza insieme; terra di fantasia e di sfessati insieme; terra di tutti e di nessuno; terra dove tutto si può perché niente si deve; terra dove tutto trova un posto perché nessuno rimane al suo posto; terra dove i fiori, i figli, i gigli, il sole, le albe e i tramonti si intrecciano e si abbracciano; terra dove il sole fa corona insieme alle nuvole che lo corteggiano; terra per i grandi e per i piccoli; terra dove tutto va perché deve andare; terra dove la politica si attarda e si impegna; dove i politici si stabilizzano in un eterno presente; dove i giornalisti si esercitano con le parole di carta; dove noi siamo più forti degli eroi, più tenaci dei disperati, più italiani degli italiani.

Letto 353 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.