I 556 membri dell’Assemblea Costituente, formata da uomini e per la prima volta anche dalle donne, a seguito delle elezioni del 2 giugno 1946 vengono chiamati a svolgere un nobile compito: la stesura della Carta Costituzionale. L’Italia è pronta a muovere i primi passi come Repubblica e i Costituenti sono i depositari dei sentimenti di pace, libertà e democrazia utili a tracciare il futuro del nostro Paese, desideroso di lasciarsi alle spalle macerie e ferite di un provante conflitto.

Per assolvere al meglio questo compito il 15 luglio 1946 viene istituita la Commissione dei 75, presieduta da Meuccio Ruini, incaricata di redigere il progetto della Costituzione italiana da discutere poi in aula. La Commissione viene suddivisa in tre gruppi di lavoro: il primo, presieduto da Umberto Tupini, è dedicato ai diritti e doveri dei cittadini. Il secondo, presieduto da Umberto Terracini, è indirizzato all’organizzazione costituzionale dello Stato. Il terzo si occupa dei rapporti economici e sociali, presiede Gustavo Ghidini. Infine un comitato di redazione ha il delicato incarico di collegare ed accordare il lavoro prodotto dalle tre sotto-commissioni.

Dopo 18 mesi di lavori dell’Assemblea Costituente, il testo della Costituzione inizia l’iter parlamentare il 4 marzo 1947: le discussioni e le modifiche lasciano intatto il cuore del testo, basato sui principi di democrazia e uguaglianza, approvato il 22 dicembre 1947 con 458 voti favorevoli su un totale di 515 votanti. Il Presidente della Repubblica Enrico De Nicola firma il testo che entra in vigore il 1 gennaio 1948.

I primi dodici articoli della Carta Costituzionale custodiscono i “Principi fondamentali” che declinano lo spirito vitale della Costituzione, un “giovane” testo che da 70 anni è la guida della Repubblica Italiana. Un testo figlio della Resistenza e nipote della Liberazione dedicato a tutti i cittadini nel quale sono racchiusi i diritti inviolabili e i doveri inderogabili di ciascun individuo.

«Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì, o giovani, col pensiero, perché lì è nata la nostra Costituzione.»

Piero Calamandrei,

Discorso ai giovani tenuto alla Società Umanitaria,

Milano, 26 gennaio 1955

 

Da http://www.ilviaggiodellacostituzione.it/ "La Costituzione, da 70 anni l'inno della democrazia italiana"

 

La verità

Venerdì, 05 Gennaio 2018 00:00

Sotto il cielo sono tante le cose che non comprendiamo.

Ma dove vanno a finire i nostri dubbi, le nostre perplessità, le verità mai venute alla luce, le bugie che le hanno sepolte, il male che ci hanno fatto, il silenzio che ha coperto tutto, la nebbia che ha dissolto, il sole che è stato oscurato, le domande che non abbiamo fatto, quelle inevase, quelle ignorate, quelle cadute nel nulla?

Che fine fa la nostra curiosità che ci fa sporgere sull’orlo della verità?

Abbiamo imparato a far finta di nulla, a presentarci come comparse di una scena immobile, abbiamo dovuto scomparire per poter resistere.

La storia malgrado questo è andata avanti. Siamo caduti lungo la strada senza che alcun buon samaritano curasse le nostre ferite.

La verità è stata negata, poi imbavagliata, poi soffocata infine vanificata.

Non ci importa più di conoscerla, sospendiamo un attimo il respiro quando ci sembra di averla ormai a portata di mano, consapevoli però che essa non ci appartiene.

A chi dunque appartiene?

Essa ha un legittimo proprietario?

E se c’è, perché si presenta come un ladro?

Perché, malgrado la inutilità, dalla sporgenza sull’abisso continuiamo sempre ad affacciarci e a ritrarci?

La verità. “Cosa è la verità”? chiede Pilato a Gesù.

Avanza nella domanda non soltanto la curiosità di sapere, ma lo scetticismo che essa possa esistere e, se esiste, soltanto pochi sanno dove si nasconda e come sia possibile appropriarsene.